Brevettare una ricetta o un prodotto alimentare

Brevettare il cibo non è molto differente da brevettare un qualsiasi prodotto chimico, tuttavia è necessario rispettare i requisiti di brevettabilità (novità, attività inventiva e industrialità).

Non è facile ottenere un brevetto per una ricetta: è infatti molto probabile che essa manchi di novità, data l’enorme quantità di preparazioni culinarie ideate nei secoli, e di attività inventiva, in quanto data dalla combinazione di ingredienti comuni già noti.

Per tutelare le proprie ricette, infatti, molte aziende ricorrono al segreto commerciale (la ricetta della Coca Cola è segreta) che tuttavia, in certe realtà, è assai difficile da mantenere.

Vi sono però delle eccezioni…

Ad esempio, il brevetto concesso al produttore di gelati Tip Top dall’Ufficio Brevetti della Nuova Zelanda per il “Memphis Meltdown”, un gelato triplo con uno strato di caramello inserito tra due strati di cioccolato . . . è stata considerata innovativa la combinazione di ingredienti noti in una speciale disposizione.

La società belga Soremartec SA ha depositato domanda di brevetto svizzero per una pralina costituita da un involucro di wafer salato con un ripieno a base di oli vegetali e un rivestimento comprendente granuli di frutta secca… in pratica una versione salata dei famosissimi snack della Ferrero S.p.a.!

La Barilla S.p.a. ha richiesto un brevetto europeo per una “Preparazione alimentare comprendente una base di salsa di pomodoro ed una pluralità di polpette contenenti almeno un prodotto alimentare scelto tra pesce, verdure e legumi in quantità di almeno il 20% in peso del peso totale di dette polpette”. Tra gli scopi dichiarati: far mangiare pesce e verdura ai bambini!

La domanda di brevetto è stata inizialmente rifiutata perchè considerata mancante di novità e attività inventiva e il richiedente ha dovuto emendare più volte il testo iniziale, partecipando anche a due udienze orali presso l’Ufficio Brevetti Europeo.

Non è dunque banale ottenere in via definitiva un brevetto per una ricetta alimentare, anzi è spesso necessario “aggirare” il rifiuto iniziale dell’Ufficio, emendando le rivendicazioni in modo da ottenere il brevetto almeno sulla parte innovativa e sorprendente del testo iniziale: il supporto di un consulente in proprietà industriale è dunque fondamentale.

Category:
brevetti
  • Vuoi proteggere la tua idea?

    I nostri professionisti sono a tua disposizione

    Richiedi preventivo